AC SERVICE FINANZIAMENTI


Vai ai contenuti

Guida Prestito Personale


CHE COS’E’ UN PRESTITO PERSONALE
?

Il prestito personale è una forma di credito al consumo non finalizzato all’acquisto di beni o servizi direttamente da un convenzionato. Il contratto di prestito quindi , si definisce direttamente tra il finanziatore e il richiedente e come conseguenza di ciò la somma concordata a richiesta di prestito accettata viene erogata direttamente al consumatore senza transitare attraverso altre figure ( il dealer ).
Nelle valutazioni del credito al consumo i prestiti personali vengono considerate operazioni piuttosto rischiose per l’istituto finanziatore a causa della mancanza di garanzie reali ( il bene acquistato ) pertanto a volte , in fase di studio delle richieste , gli stessi enti potranno richiedere documentazioni accessorie (preventivi o fatture che vadano a giustificare la finalità della richiesta ) o altre garanzie personali quali la firma di coobligato o una fideiussione.


CHI EROGA I PRESTITI PERSONALI


I prestiti personali possono essere richiesti o presso una banca o presso un istituto finanziario specializzato
( iscritto all’Ufficio Italiano dei Cambi ).

LE CONDIZIONI

Attualmente il mercato finanziario offre un vasto panorama di interlocutori finanziari che a loro volta offrono ai consumatori una vasta gamma di prodotti. Ci troviamo quindi di fronte alla valutazione di più offerte di finanziamenti.

Abbiamo i criteri per affrontare questa valutazione?

L’operazione di prestito personale è da considerarsi non per la convenienza mensile dell’importo della rata ma per l’onerosità complessiva dell’operazione stessa. Le voci di spesa che compongono il costo finale del finanziamento sono molteplici: capitale erogato, interessi , oneri accessori , spese di istruttoria e coperture assicurative. Gli elementi che dobbiamo,quindi, tenere in considerazione in fase di sottoscrizione di un contratto di finanziamento sono:

TAN ( tasso annuo nominale )
Il tasso nominale annuo o Tan è il tasso di interesse puro applicato ad un finanziamento. È il tasso da utilizzare come termine di paragone con il tasso di rendimento delle attività finanziarie , con il tasso di sconto , ecc. Non corrisponde al tasso di interesse realmente applicato al finanziamento ma , viene utilizzato per calcolare , a partire dall’ammontare finanziato e dalla durata del prestito , la quota interesse che il debitore dovrà corrispondere al finanziatore e che , sommata alla quota capitale , andrà a determinare la rata di rimborso. Nel calcolo del Tan non rientrano oneri accessori quali provvigioni , spese e imposte.

TAEG ( tasso effettivo globale )
Il tasso effettivo globale è una misura del costo complessivo di un finanziamento. È lo strumento corretto per paragonare proposte di o con le medesime caratteristiche ( importo, durata , tipo di tasso ) , ma con tassi e spese differenti , permettendoti di calcolare l’effettivo impatto dell’eventuale tasso iniziale.
Viene espresso in termini percentuali con due cifre decimali e su base annua.
Diversamente dal Tan il Taeg è comprensivo di tutti gli oneri accessori che compongono il costo finale del finanziamento quali spese di apertura pratica , spese di incasso per rata , spese per coperture assicurative che sono a carico del richiedente oltre agli interessi calcolati sul finanziamento.
In termini di paragone di proposte di finanziamento simili per le caratteristiche sopra descritte occorre tenere presente che:
A parità di capitale finanziato , il Taeg si riduce all’aumentare della durata del prestito.
A parità di durata del prestito , il Taeg si riduce all’aumentare del capitale finanziato.


SPESE DI ISTRUTTORIA
Le spese di istruttoria delle pratiche rientrano nei vari oneri accessori a carico del richiedente finanziamento richieste dall’ente finanziatore a titolo di valutazione e gestione della sua richiesta di finanziamento. Il corrispettivo di queste spese avviene solitamente in un'unica soluzione al momento dell’effettiva erogazione della richiesta.

COPERTURE ASSICURATIVE
Al momento della richiesta di un contratto di finanziamento l’ente finanziatore può richiedere al cliente la stipula di coperture assicurative ( facoltative o obbligatorie ) a fronte di eventuali rischi di insolvenza o per danni diversi quali morienza , invalidità permanente o temporanea , perdita del posto di lavoro.
La compagnia assicurativa con la quale il richiedente, per mezzo dell’ente finanziatore , stipula il contratto assicurativo garantisce allo stesso la copertura del capitale una volta accertato l’effettivo danno o l’effettiva impossibilità a sostenere il pagamento mensile delle rate.

SPESE DI INCASSO RATE
Le spese di incasso rate sono totalmente a carico del richiedente e vengono richieste nel momento in cui il cliente paghi mensilmente il suo finanziamento con addebito diretto sul suo conto corrente bancario ( RID ). In sostanza sono a carico del cliente le commissioni di incasso che la banca richiede all’istituto finanziatore.

SPESE DI INVIO ESTRATTO CONTO
Le nuove disposizioni legislative in materia di trasparenza prevedono l’invio annuale al cliente di un estratto conto riassuntivo della sua posizione con la società. L’invio dell’estratto conto riassuntivo è un onere a carico del cliente.

PENALE DI ESTINZIONE ANTICIPATA
I richiedenti hanno diritto di esercitare in qualsiasi momento la facoltà di estinzione anticipata del finanziamento. L’ente finanziatore fornirà al richiedente un calcolo di estinzione anticipata nel quale indicherà la somma della cifra che il consumatore dovrà pagare per chiudere totalmente il debito.
Il calcolo prenderà in considerazione il capitale residuo a debito scorporato degli interessi futuri e non ancora corrisposti ( come da piano di ammortamento ) a questo verrà sommata una penale di estinzione che è pari all’1,00% del capitale stesso.
Al capitale verranno eventualmente sommati se ritenuti a debito interessi non corrisposti per tempo o qualsiasi altra somma ritenuta a credito a favore dell’ente ( ad es. spese di invio sollecito , recupero o more). Qualora il contratto non specifichi qual è l’importo del capitale residuo dopo ciascuna rata di rimborso, si deve intendere come capitale residuo la somma del valore attuale di tutte le rate non ancora scadute alla data dell’adempimento anticipato, (calcolata mediante una formula standard definita dal Ministro del Tesoro con un decreto). Il tasso di interesse da utilizzare nel calcolo è invece quello in vigore al momento dell’adempimento anticipato. Secondo le nuove disposizioni legislative è essenziale che il consumatore sia informato in maniera trasparente di tutte le condizioni economiche applicate ai prodotti da ogni operatore finanziario. Pertanto ricordatevi di controllare sempre in tutte le filiale di banche o finanziarie dove vi recate che siano esposti i tassi di interesse e tutte le altre condizioni economiche, che nelle stesse filiali siano a vostra disposizione i fogli analitici che contengano le stesse condizioni esposte. Fate lo stesso controllo anche sul materiale pubblicitario che ricevete in quanto su tutte le offerte deve essere evidenziato in maniera obbligatoria il Tan e il Taeg, relativi a quella specifica offerta , e il periodo di validità.


COSA DEVE CONTENERE UN CONTRATTO DI PRESTITO PERSONALE
Il contratto di prestito personale formalizza in maniera inequivocabile la richiesta di un finanziamento ad un ente finanziatore. Data la sua importanza i contratti di richiesta finanziamento devono per legge rispettare determinati parametri e contenere degli elementi fondamentali. Il contratto deve essere composto da almeno due copie , una per l’istituto che eroga il prestito ( quindi finanziaria o banca ) e l’altra copia deve essere consegnata al consumatore.

Nella parte frontale del contratto vengono solitamente contenute le seguenti informazioni:
Dati anagrafici del richiedente ( Cognome , Nome, Data e luogo di nascita , codice fiscale , indirizzo attuale e il precedente da indicare solo se variato nel corso dei cinque anni precedenti la richiesta di finanziamento e recapiti telefonici ) sempre in questa sezione vengono richiese informazioni personali quali lo stato civile , il numero dei famigliari , il numero del documento di identità ( e di questo la richiesta di indicare il tipo di documento se carta di identità , patente di guida o passaporto ) data e luogo di rilascio. In questa sezione verrà richiesto al richiedere di indicare se l’abitazione in cui vive è di proprietà in affitto o altro ( se presso terzi o presso famigliari ) e se viene corrisposta una somma per mutuo o affitto e di quantificarla.

Dati relativi all’occupazione del richiedente ( viene chiesto di indicare la ragione sociale del datore di lavoro , l’indirizzo e il suo recapito telefonico il settore merceologico in cui opera l’azienda e il reddito mensile netto percepito ).

Vi sarà un riquadro destinato ad indicare le condizioni economiche del finanziamento

Dati relativi al pagamento quindi come il consumatore intende onorare mensilmente il finanziamento se tramite Rid bancario , bollettini postali e in caso in cui il cliente intenda pagare mezzo bancario deve specificare sul contratto le sue coordinate bancarie Abi, Cab e numero del conto corrente a lui intestato e specificare per esteso la denominazione dell’istituto l’indirizzo il civico e la località di ubicazione della filiale.

Tutti questi dati verranno richiesti e quindi riportati identici ( tranne quelli relativi al pagamento e alle condizioni economiche del finanziamento ) per eventuali garanti o coobligati firmatari del contratto di finanziamento.

Spazio per le firme necessarie all’istruttoria della pratica : autorizzazione al trattamento dei dati personali, adesione al programma assicurativo , accettazione delle condizioni generali del contatto , autorizzazione di addebito su conto corrente bancario. Le firme dovranno essere apposte in maniera obbligatoria dal richiedente prestito e anche da eventuali figure a garanzia indicate nel contratto.


Sul retro del contratto vengono invece indicati i seguenti elementi:

Condizioni generali che disciplinano il finanziamento.

Obblighi da parte del richiedente.

Indicazione dell’estinzione anticipata quindi calcolo della penale applicata in caso di estinzione del debito residuo.

Condizioni generali in caso di ritardato o mancato pagamento e indicazione ( anche a livello monetario ) di tutte le sanzioni applicate.

Decadenza del beneficio del termine in tutte le sue tipologie.

Cessione del contratto a società terze.

Estratto conto delle condizioni generali sulle coperture assicurative.

Informativa sul trattamento dei dati ( come stabilito dalla legge sulla privacy ) e quindi indicazione degli istituti presso i quali i dati verranno trasferiti in fase di analisi della richiesta di finanziamento ( banche dati ) e dall’ente stesso ( invio materiale pubblicitario ecc.).


I contratti di richiesta di finanziamento per legge devono contenere obbligatoriamente questi elementi:

Il tasso di interesse applicato al contratto.
Ogni altro prezzo e condizioni praticati , inclusi i maggiori oneri in caso di ritardato o mancato pagamento.
L’ammontare e la modalità del finanziamento.
Il numero, gli importi e la scadenza delle singole rate.
Il tasso annuo effettivo globale ( TAEG )
Il dettaglio delle condizioni analitiche secondo cui il TAEG può essere eventualmente modificato.
l’importo e la causale degli oneri che sono esclusi dal calcolo del TAEG (se non è possibile indicare chiaramente queste spese, deve essere indicata una spesa realistica; oltre a questa somma, non ti potrà essere imposto alcun pagamento).
Le eventuali garanzie richieste.
Le eventuali coperture assicurative che potrebbero essere richieste e non incluse nel calcolo del TAEG.




Home Page | Servizi | Cessione del V | Prestito Personale | Prestito Pensionati | Mutui | Surroga Mutui | Leasing | Prestito Cambializzato | Riabilitazione Protestati | Guida Prestito Personale | FAQ | Contatti | Lavora con Noi | AREA RISERVATA | Impianti Fotovoltaici | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu